Biografia

divider

Nato a Saronno, è stato avviato alla musica all’età di sei anni dal nonno materno, il M° Lamberto Torrebruno, esponente di un’importante famiglia di musicisti; si è quindi perfezionato, in organo, composizione e clavicembalo, con musicisti di fama internazionale.
Musicista versatile, è concertista assai richiesto e stimato a livello internazionale: come solista all’organo o al clavicembalo si è esibito in oltre venti paesi nel mondo, toccando alcune tra le sale concertistiche più prestigiose e tra le Cattedrali più importanti, dalla Sala Grande della Filarmonica di S. Pietroburgo alla Cattedrale di St. Patrick a New York. È altresì attivo come continuista e tastierista di diverse importanti formazioni, quali, tra le altre, I Barocchisti e l’Orchestra della Svizzera Italiana, collaborando con direttori della levatura di Alain Lombard, Vladimir Ashkenazy, Juraj Valčuha, Alexander Vedernikov, Heinz Holliger, Hubert Soudant, Howard Griffiths, Markus Poschner, Timothy Brock, Antonello Manacorda, Diego Fasolis, Stefano Montanari, Ottavio Dantone, Pablo González e molti altri. È stato accompagnato da compagini prestigiose nell’esecuzione di concerti per organo e orchestra – da Haendel e Haydn a Hindemith e Poulenc – esibendosi sovente anche in veste di direttore. È organista titolare presso la Basilica Prepositurale di San Vincenzo in Prato a Milano, la Chiesa di S. Maria degli Angioli a Lugano e il Santuario della Beata Vergine dei Miracoli a Saronno; è inoltre fondatore e direttore del Gruppo Vocale «San Bernardo».
Suona regolarmente in duo con il noto pianista Vovka Ashkenazy, primogenito del grande Vladimir. Ha inciso per RTSI, Bottega Discantica e Tactus. È compositore attivo soprattutto nel campo organistico e corale. La sua ultima opera sono le musiche di scena per lo spettacolo teatrale Interrogatorio a Maria, di Giovanni Testori, con Angela Demattè e la regia di Andrea Chiodi. Nel maggio del 2019 sarà presentato un disco interamente dedicato a sue opere, pubblicato da Tactus e intitolato «Giulio Mercati: Interrogatorio a Maria e altre opere sacre». Nel 1996 si è laureato con lode in filosofia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, con una tesi in estetica musicale. È musicologo apprezzato e conferenziere assai operoso. Ha collaborato in veste di musicologo con il Teatro alla Scala, l’Orchestra «Verdi», il Festival MiTo, il Festival «Milano Musica» e con altri importanti cicli concertistici.
La sua pubblicazione più estesa è un saggio musicologico intitolato «Bruno Bettinelli: il cammino di un musicista», dedicato alla figura e all’opera del compositore milanese Bruno Bettinelli, in relazione agli esiti più recenti delle correnti filosofiche ermeneutiche, pubblicato presso l’editore Rugginenti (Milano). Nel 2018 ha pubblicato un vasto articolo scientifico sulla Rivista teologica di Lugano, intitolato «Nascita, evoluzione e uso del Kirchenlied: tra il modello cattolico e le istanze del canto comunitario». Vanta numerose direzioni artistiche di rassegne prestigiose, delle quali è altresì sovente ideatore, in Italia, Svizzera e Spagna. È cofondatore e direttore del Curso de música litúrgica del Corpus Christi di Lugo (Spagna). È docente di Storia della Musica Sacra presso la Facoltà di Teologia di Lugano.

 

Born in Saronno, Italy, Giulio Mercati began studying music at the age of six under the tutelage of his grandfather, Maestro Lamberto Torrebruno, a representative of an important family of musicians: he then completed his musical studies in organ, composition, and harpsichord under distinguished and famous musicians. Giulio Mercati is extremely active and esteemed as a concert performer: as an organ and harpsichord soloist he played in more than twenty countries. He performed in some of the most important concert halls and cathedrals, from the Great Concert Hall of the Philharmonic Orchestra in St. Petersburg to the Cathedral of St. Patrick in New York. He’s also active as an organist and as a continuo player in many important ensembles, working especially with and the Orchestra of Italian Switzerland (Orchestra della Svizzera italiana), under conductors such as Alain Lombard, Vladimir Ashkenazy, Juraj Valčuha, Alexander Vedernikov, Heinz Holliger, Hubert Soudant, Howard Griffiths, Markus Poschner, Timothy Brock, Antonello Manacorda, Diego Fasolis, Stefano Montanari, Ottavio Dantone, Pablo González and many others. He was accompanied by some important orchestras, playing several concerts for organ and orchestra – from Haendel to Hindemith, Poulenc and Barber – as a soloist and many times also as a conductor. He has recorded for the RTSI (Swiss Italian Radio), Bottega Discantica and Tactus. He is the director of the vocal group San Bernardo, and is resident organist at the Chiesa di Santa Maria degli Angioli in Lugano, and at the Santuario della Beata Vergine dei Miracoli in Saronno. He regularly plays in duo with the famous pianist Vovka Ashkenazy, Vladimir’s eldest son. He’s an active composer, especially in the field of organ and choral music. His most recent work is the music for the theatre production of Interrogatorio a Maria, by Giovanni Testori, with Angela Demattè and directed by Andrea Chiodi. The 7th of September 2019 a disc was released and presented, completely dedicated to his works, published by Tactus and entitled «Giulio Mercati: Interrogatorio a Maria and other sacred works» (available in Amazon, Itunes, Spotify et cetera). In 1996, Giulio Mercati received an Honours Degree in Philosophy from the Università Cattolica del Sacro Cuore of Milan, for his dissertation on musical aesthetics. He’s an esteemed musicologist and lecturer. His most important publication is an extended essay, entitled “Bruno Bettinelli: il cammino di un musicista”, dedicated to the life and works of Milanese composer Bruno Bettinelli, in light of the most recent hermeneutic philosophical developments, brought out by the publisher Rugginenti (Milano). In 2018 he published a large scientific essay on the Theological Revue of Lugano, with the title “Birth, evolution and use of the Kirchenlied: between the catholic model and the community singing’s urges”. As musicologist he worked also for the Teatro alla Scala, the Orchestra Verdi, the Festival MiTo, the Festival Milano Musica and many other important music festivals. He is artistic director, and even creator, of numerous prestigious international festivals in Italy, in Switzerland and in Spain. He’s Professor of History of sacred music at the Faculty of Theology in Lugano. He’s cofounder and director of the Course of Liturgical Music, organized by the Diocese of Lugo (Spain).